martedì 11 febbraio 2020

Lupin contro tutti - Recensione -



"Lupin contro tutti" è uno special realizzato per il cinquantesimo anniversario della pubblicazione del manga. La trama vede Lupin coinvolto in una gara automobilistica che però si rivela essere una trappola organizzata da Mr X e Kyosuke Mamou, vecchi nemici di Lupin.

Bellissima l'idea di riprendere la tuta, ma perché usare la orribile 500 per la gara? Sopratutto quando si poteva ripescare la stupenda Ferrari 312B?
Lupin contro tutti è un piacevole episodio speciale, molto nostalgico, dove si rivedono molti cammei di nemici delle precedenti serie (anche se poi alla fine combinano veramente poco). Molto carino che sia il titolo giapponese "Lupin sta ancora bruciando?", che per una volta anche quello italiano, pur con il titolo del secondo doppiaggio "Lupin contro tutti", siano una citazione al titolo dal primo episodio della serie del 71.

La cura dei dettagli di questo OVA è spettacolare.
Il piano del duo mi è piaciuto molto, non solo perché permette di far rivedere gli episodi più memorabili della prima serie (un gran peccato che non si sia pescato maggiormente anche della seconda e terza serie) ma consente tramite vari escamotage narrativi di sviluppare secondo nuovi aspetti i personaggi storici.



Il "Mamo" che tutti confondono
Infatti l'obbiettivo di Kyosuke Mamou è quello di far rivivere a Lupin tramite una sua nuova e più performante macchina del tempo alcuni episodi determinanti nella sua esistenza, e sfruttando i possibili sviluppi alternativi, modificare il futuro del ladro in modo che il ladro gentiluomo non conosca mai i membri della sua banda.

Nessun ritorno fu più gradito di questo :P
Bella la trovata di riusare Mr X per rifare in grande stile la gag delle manine vista nella prima puntata della serie in giacca verde, con tanto di rottura della quarta parte grazie a una determinata battuta, questa volta esplorata anche grazie all'utilizzo della IA (forse uno degli aspetti migliori per l'uso di un computer). Peccato che Mr X finisca alla lunga per essere un po' sminuito dal suo compare e si riduca a fare la figura del vecchio rincitrullito.

Lupin giacca verde è sempre uno spettacolo.
Il finale è ovviamente all'acqua di rose e ristabilisce lo status quo precedente (anche se "Goemon il samurai Killer/Assassino" che fa coppia con Fujiko meriterebbe uno special a parte come trovata geniale). Una conclusione forse un po' troppo affrettata e alcuni elementi non tornano al 100%, ma quando ci sono di mezzo le macchine del tempo uscire fuori dai binari è un gioco.

Animazioni discrete, il character design è ripreso dalla quarta serie (quella ambientata in italia, lo si vede anche dalla scritte al telegiornale), anche se nelle scene di corza la cgi pezzotta la fa da padrona la qualità cale drasticamente.

La parata di cattivi di questo special.
Mi è piaciuto molto l'idea di un Lupin molto più esposto ai pericoli senza i suoi compagni (anche se poi nei fatti la cosa si contraddice un po'), mostrando il vero affetto che lo unisce ai suoi compagni.

Il doppiaggio italiano attua delle scelte un po' contrastanti su come doppiare il tutto. Se infatti il titolo italiano riprende il secondo doppiaggio della serie, i nomi di alcuni nomi dei cattivi sono stati ripresi invece dal primo doppiaggio. Quindi per esempio abbiamo Whiskey (al posto di Pycal) e Punk al posto di Poon.

In definitiva un ottimo special, con il giusto mix di divertimento e nostalgia. L'idea di una banda senza Lupin è accattivante (anche se poi a causa del poco minutaggio non si è potuto sviluppare al meglio l'idea). Le animazioni sono buone. Uno special consigliato sopratutto a chi come il sottoscritto è cresciuto nel mito di Lupin.

10 commenti:

  1. Mi vien da chiedere se magari hanno fatto due doppiaggi... chissà.
    Perché uno dei film più recenti vedeva il ritorno di Pycal e mi sa che lo chiamano poprio così e non Whiskey...
    Comunque, non l'ho visto ma deve essere un gran bell'omaggio. Lo recupero assolutamente!^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a parte la prima serie il resto del doppiaggi hanno sempre usato il nome originale. Forse un doppiaggio leggermente nostalgico?

      È molto carino, sopratutto se si è fan di Lupino. Ovviamente la trama non è nulla di eccezionale ma si lascia guardare.

      Elimina
  2. Come sai, l'ho abbastanza odiato, non solo per l'adattamento/doppiaggio pessimi ma in generale per la pochezza del tutto: quando compare il minchione con la macchina del tempo sudo sempre freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti comprendo, a livello di trama è abbastanza deboluccio e con alcune forzature. A livello nostalgico però è decisamente carino e certe trovate sono carine (tipo Goemon samurai killer).

      Kyosuke Mamou è sempre stato un personaggio un po' da barzelletta (anche nel manga), l'unico momento in cui fa paura è nella prima serie.

      Elimina
  3. Non l'ho visto, comunque una 500 per una gara è effettivamente un'esagerazione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci potrebbe anche stare, Lupin ha sempre truccato le proprie macchine, ma visto che si tratta di una puntata nostalgica ci voleva un modello che fosse rappresentativo della prima parte della serie in giacca verde.

      Elimina
  4. Ottima recensione recensione Silver ��
    Come sempre.

    RispondiElimina
  5. Andrò controcorrente però la 500 è una delle cose che mi piacciono più di Lupin anche nelle sue nuove versioni animate. Ormai fa parte dell'iconografia storica del personaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, però l'ho sempre visto come la versione proletaria e miyazakiana del personaggio che non ho mai granché gradito.

      Elimina