lunedì 11 giugno 2018

Bran Mak Morn - L'eroe oscuro di Robert E. Howard



Nella sua breve esistenza letteraria (poco più di dieci anni) Howard ci ha regalato diversi personaggi memorabili come: Solomon Kane, Conan il Barbaro, Kull il Valusia e tanti altri più sconosciuti come Dark Agnes. Rispetto a tanti autori contemporanei e anche moderni l'autore texano era convito (e io con lui) che non si potesse scrivere all'infinito storie con lo stesso personaggio, per quanto di
Disegno di Gary Gianni (Bran mak Morn)
successo, pena il rischio alla lunga di scrivere racconti vuoti e artificiali. Solo due personaggi fanno eccezione a questa regola: El Borak (Francis Xavier Gordon, il primo personaggio immaginato da Howard) e l'oscuro popolo dei pitti guidati dal loro re dal triste destino Bran Mak Morn, entrambi avranno vita lunga, ma il popolo mediterraneo avrà maggiore e più diffusa partecipazione, finendo addirittura per fare da special guest in molti racconti di Kull (di cui saranno alleati) e Conan (di cui saranno la trasfigurazione delle popolazioni dei pelle rossa) con una strizzata al mondo orrifico dell'amico Lovecraft.


La produzione di Howard è caratterizzata da un vena di nichilismo eroico di fondo. I propri eroi non hanno mai un lieto fine che gli ricompensi delle fatiche fatte, gli imperi creati sono di breve durata, cosi come la gloria personale. Anche quando la gloria sembra ormai raggiunta, tutto può essere messo di nuovo in gioco da un nuovo pericolo che si preannuncia all'orizzonte. Una sorta di realistica ruota della fortuna che può essere solo rincorsa senza essere mai raggiunta tranne che per un effimero tocco. Nessuno eroe però è raccolto in un velo di oscurità perenne come Bran Mak Morn, re di un popolo ormai scacciato nell'angolo più sperduto del mondo, degenerato dalla gloria di un tempo e destinato senza nessun appello all'oblio. L'unica speranza per quanto fievole è riposta nel re Bran, che ha conservato il sangue puro del popolo più antico del mondo, l'unico che sia riuscito a riunire gli ultimi scampoli del proprio popolo in una parvenza di regno, in una avventura costantemente in bilico tra speranza e pessimismo. Tutte le avventure che lo riguardano sono composte da un sorta di energia distruttiva, in cui il sangue versato può attrarre solo nuovo sangue in una spirale autodistruttiva. Anche quando l'ultima speranza, rappresentata del Re Bran, è ormai scomparsa da tempo il proprio popolo non può che rimanere tenacemente attaccata alla vita e a portare con se in una spirale d'odio tutti i popoli che gli si presentano d'avanti per reclamare gli ultimi pezzi di terreno in cui si sono rifugiati. Il popolo dei pitti mantiene fede al suo essere oscuro fino alla fine, anche quando ormai i loro ricordo è ormai scomparso come nel racconto "Il piccolo popolo" il loro odio per le nuove popolazioni è più vivo che mai.  

Re Bran e il suo popolo (disegno di M l Peters)
Si potrebbe essere portati a pensare che i racconti di Howard siano permeati da una tristezza e una malinconia unica, invece i suoi racconti sono caldi e vitali come il fuoco, così ardente da fare battere il cuore a ogni combattimento, a ogni nefandezza compiuta da Roma non si può non parteggiare per il re Pitto. 

Sicuramente da leggere sono i racconti "Regni della notte", "Vermi della Terra" e "L'Uomo nero". Nel primo si assisterà a un epico incontro tra Kull di Valusia e il Re Pitto uniti per combattere insieme in una sanguinosa battaglia l'esercito romano. Il secondo racconto è uno dei più riusciti esperimenti orrifici mai usciti dalla penna di Howard, con una forte l'influenza dell'amico Lovecraft, in cui assisteremo al richiamo per vendetta di creature mostruose da parte di Bran Mak Morn di cui sarebbe stato meglio non ricordare nemmeno il nome. Nel terzo racconto assistiamo alla definitiva caduta del popolo pitto, con Bran che è diventato ormai una divinità protettrice del suo popolo che è ormai scomparso dalle pagine della storia ma non per questo meno letale, mentre un guerriero celta parte con la sua benedizione alla volta di una missione suicida per salvare una ragazza della sua razza da uno oscuro destino.  

La copertina dell'edizione Urania Epix è veramente spettacolare e si adatta moltissimo al personaggio del Re Pitto.

8 commenti:

  1. Cerco sempre di recuperare quanto più materiale su Howard mi è possibile, questo mi manca ad esempio, ma con i tuoi post a tema mi incanto a leggerti, grazie per gli ottimi approfondimenti ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il commento, le tue parole mi rendono molto felice. :)

      Elimina
  2. I vermi della terra l'ho riletto qualche tempo fa. Non so se gli altri due racconti che citi li ho col titolo leggermente diverso... forse dipende dall'adattamento italiano.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere, ogni editore ha un approccio diverso per la traduzione.

      Elimina
  3. Prima o poi arriverò anche a lui.
    Ho già qualche suo racconto in antologie varie, ma non l'ho mai approcciato con decisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Aspetto un tuo post su un personaggio di Howard. ;)

      Elimina
  4. Non sono un gran lettore di libri e ammetto la mia quasi totale ignoranza su Howard, però grazie a questo post ora ne so qualcosa anche io! 👍
    Sull'usare un personaggio all'infinito concordo in parte, fino a che si hanno idee perché no? Mentre è giusto metterlo da parte quando tutto risulta ripetitivo e/o forzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Howard era un soggetto molto particolare, amava talmente tanto immedesimarsi nelle sue creazioni da affermare che lui era semplicemente un bardo, e che lo stesso Conan dalle nebbie del tempo comparisse per narrarli le sue sanguinose avventure. Quindi una volta finita l'entusiasmo iniziale difficilmente tornava sullo stesso personaggio.

      Elimina