martedì 15 settembre 2015

Lupin III L'avventura Italiana commento episodi 8-10

Oggi come sempre commentiamo i nuovi episodi di questa serie di Lupin, saranno belli o brutti? Non mi resta che visionarli per voi. L'orario è stato di nuovo spostato alle 23 e 30 grazie all'ennesimo film spazzatura. Riuscirà il vostro Long John a rimanere sveglio? Vediamo.


Continuare o abbandonare questa serie, questo è il problema.
Intanto mi faccio una bella tazza di tè.


Episodio 8 Il rapimento

Iniziamo la serata con questo bell'episodio reunion della combriccola (tranne Fujiko e Goemon che probabilmente hanno trovato più interessante fare qualche colpo). Se nell'episodio 2 ci si vantava la pasta alla carbonara, in questo abbiamo la pizza! Urrà per l'originalità! Perlomeno gli sceneggiatori hanno l'accortezza di dire che questa è la vera pizza, mica quella che ti rifilano all'estero. Lupin e Jigen iniziano l'episodio con un bel furto in una boutique di gioielli, perché boh! C'è la crisi e ci si deve accontentare di quello che passa il convento, mica si può sempre rapinare musei e banche (di cui L'Italia è poverissima). Tutto sembra girare per il meglio quando il diabolico duo viene scoperto dall'ispettore Gadg.. emh Zenigata e parte l'ennesima scena di inseguimento. La nostra combriccola ha dovuto però abbandonare il proprio veicolo e prenderne un altro in "prestito", con una piccola sorpresa dentro. Una bomba direte voi. Magari! rispondo io. La piccola sorpresa è Brigitte, la figlia dell'agente Nix, che adesso scopriamo essere un amorevole padre di Famiglia! (i casi della vita) Naturalmente l'agente del MI6 non è per nulla contento che sua figlia sia stata rapita. Parte quindi un altro inseguimento, questa volta tra Nix e Lupin & co. Nel frattempo entra in scena anche Rebecca, perché la ragazzina a causa del suo menefreghismo ha preso la sua borsetta con il necessario per i furti (un genio questa donna). Si arriva allo scontro finale dove un Nix in versione Mr Hyde sembra pronto a fare a pezzettini i presenti, ma non vi preoccupate! Rebecca risolve il qui pro quo tutto con un pò di shopping, perché si sa che per risolvere le liti è la cosa migliore. Ovviamente visto che c'è l'agente del MI6 ci viene rifilato un mistero (il sogno italiano) che probabilmente si rivelerà aria fritta. Naturalmente la refurtiva viene persa, sia mai che si faccia un vero furto in questa serie.        

Episodio 9 Benvenuti all'albergo infestato aka Lupin meet Scooby Doo

Metal Jigen!
L'episodio si apre con Lupin e Jigen che decido di passare la notte in un castello che ha la nomea di essere stregato per trovare un tesoro che sembra sia nascosto li. La storia vuole che nel castello sia stato commesso un'orribile massacro durante il matrimonio di Adele, figlia del signorotto locale e che d'allora in poi i fantasmi perseguitino il luogo. Ormai abbiamo capito che gli sceneggiatori sono alla frutta, e quindi ricorrono all'espediente della casa stregata per sbarcare il lunario. Il povero Jigen finisce davvero per incontrare il presunto fantasma della defunta Adele e scappa via terrorizzato come un bambino. Con un Lupin che lo prende in giro per la sua codardia. Ma ehi! non abbiate paura! Questo è un trucco del proprietario del castello, che infatti mascherando la svampita figlia da fantasma spera di creare un luogo di attrazione per gli amanti del brivido. Jigen affoga giustamente l'umiliazione per la figura di melma fatta nell'alcol. Nel frattempo entra in scena la banda della mamma (composta da madre, da uno stupido clone di shaggy e da naruto in versione obesa), facepalm al livello nazionale! La madre vuole usare Lupin come apripista per il tesoro per poi sgraffignarlo a cose fatte. Jigen ubriaco marcio si comporta come qualsiasi turista ubriaco nel nostro bel paese e fa minzione nel primo pertugio disponibile.

Lupin incontra Carla (o meglio Clarissa de Il castello Cagliostro da bambina)
Grazie a questo cafonesco metodo Lupin scopre il passaggio segreto che porta al tesoro, mentre Jigen va a carrozzarsi per affrontare il "pericolosissimo" direttore (Jigen ma come ti sei ridotto). Ovviamente il direttore spiffera tutto sulla truffa (anche se io speravo in qualche frase del tipo:   "l'avrei anche fatta franca se non fosse stato per voi ladri ficcanaso!").



Naturalmente il passaggio si rivela pieno di trappole e trabocchetti degni di un film di Indiana Jones. Tra una trappola e l'altra Lupin incontra una ragazzina principescamente vestita. La ragazzina si presenta come Carla (Anche se il character design cita di brutto Clarissa del film il castello di Cagliostro, film sempre di Lupin. Perché ormai citare Miyazaki a random è sempre cosa buona e giusta), sorella di Adele. La ragazzina sembra avere stranamente una conoscenza approfondita della collocazione della trappole. Infatti Carla afferma di essere stata lasciata a guardia del tesoro fino al ritorno della sorella. Lupin da vero gentiluomo si dimostra davvero gentile, e per non preoccuparla si dichiara un amico di Adele venuto a controllare come stava la sorellina. Nel frattempo interviene la banda "mammoni", giusto in tempo per rimediare una figuraccia colossale prima di scomparire dagli schermi (grazie anche l'intervento provvidenziale di Jigen). Lupin dopo essere fuggito dall'ennesima trappola arriva al luogo del tesoro. Qui assistiamo ad uno degli episodi più tristi e belli della serie. //Spoiler// Si alza il sole e si scopre che la ragazzina era veramente il fantasma del castello. Rimasta per secoli a vegliare sul tesoro mentre aspettava una sorella che non sarebbe mai tornata. Lupin commesso dalla fedeltà della bambina le regala delle bellissime parole di stima e una tomba che permetteranno alla bambina di riposare in pace. //Spoiler// Sicuramente il miglior episodio dei tre trasmessi.

P: "Grazie Lupin" L: "Di cosa? Sei tu quella speciale" 

             
Episodio 10 Requiem per gli assassini

In questo episodio è Goemon a farla da padrone con il suo essere samurai gentleman. Come già successo nell'episodio incentrato su Jigen, il canovaccio si basa sull'eroe di turno che salva la bella dal pericolo. Episodio tutto sommato nella norma, senza guizzi ne ricadute. Uniche cose da segnalare sono la forza erculea di cui è dotato Goemon (capace di fare balzi lunghissimi e alzare montagne di polvere con una pedata). Naturalmente alla fine tutti si risolve per il meglio e alla vissero tutti felici e contenti. Purtroppo si nota tantissimo che questa puntata era stata pensata più per Jigen che per Goemon, ma probabilmente gli sceneggiatori si sono accorti all'ultimo minuto di aver dimenticato una puntata dedicata al nostro samurai gentiluomo.



Si riconferma l'andazzo generale della serie, con i suoi pochi picchi e la calma piatta generale. Voi che cosa avete deciso? Continuerete a seguire la serie? Cosa vi sta piacendo? e cosa no di questa serie? Ditemi la vostra.

Il commento agli episodi precedenti li trovate qui: 01-0405-0708-10

8 commenti:

  1. "Fujiko e Goemon che probabilmente hanno trovato più interessante fare qualche colpo..." hai scritto tu...ahahaahaah magari il colpo lo hanno fatto insieme e per colpo non intendo furto ahaha...sai, se consideri il manga, la prima serie, La donna chimata Fujiko Mine sai benissimo che i due hanno fatto qualcosa (anche in alcuni special).
    Comunque fino a ora sei l'unica persona che sta sollevando criticità su questa serie...anche per me non è tra le migliori, se non per la precisione delle location

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per prima cosa grazie per il tuo commento.

      Hai ragione, Fujiko sopratutto nel fumetto è molto più libertina di quanto si veda nella serie, ma credo chi sia più disposta a fare comunella con Goemon e Zenigata (più facilmente controllabili e meno misogini) che con Jigen.

      Ho notato questa cosa. Molto probabilmente la serie ha riscosso un buon successo perché si rivolge a un pubblico molto più giovane del fan medio di Lupin, che ovviamente se non è appassionato difficilmente si vede o si è visto serie come la giacca verde o rossa, che per lui sono ormai vecchiume; ma non disegna una serie fresca e dal design accattivante come l'ultima. Mettiamoci pure ch'è molto più politically correct delle precedenti è il gioco è fatto.

      In questa serie abbiamo un Lupin che non ruba, con pochissimi spunti sexy e molto più infantile del solito e in cui la noia regna sovrana. Onestamente essere critici è il minimo.

      Elimina
  2. Beh, che dire...condivido ogni tua singola parola. Mi piace questa cosa che hai detto su Goemon e Zenigata(su quest'ultimo, in effetti, ne parlano in pochi, circa il rapporto con Fujiko, mentre su Goemon abbiamo prove infinite che ci fanno capire quanto penda dalle labbra di quella donna).
    Mi piace moltissimo come hai dipinto la nuova serie nel commento di risposta al mio, credevo di essere l'unica a pensarla così, dato che, anche i fan che conoscono e analizzano per filo e per segno Lupin hanno gradito (fin troppo) questa serie, che ha sì, dei pregi, ma tanti difetti, tant'è che ancora non mi viene voglia di rivederla(mentre ogni tanto mi "sparo" le altre serie, su tutte la seconda e La donna chiamata Fujiko Mine. A proposito, cercando tra i tuoi post mi pare che non ne abbia parlato, ma sarei curiosa di conoscere un tuo parere. Per me è il capolavoro per eccellenza).
    Mi piace che tu abbia messo in risalto:
    1) pubblico giovane (che infatti è andato in visibilio)
    2)Il politically correct
    3)Pochi spunti sexy e presenza di infantilismi
    Inoltre, sono nuovamente fuorvianti le presunte gelosie di Fujiko nei confronti di Lupin, che, al pubblico poco attento, faranno di nuovo dire che sia innamorata di Lupin(quando poi non è così, la cosa è molto diversa, anche se nel manga ci sono molte concessioni libertine).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per le tue parole, fa sempre piacere vedere le proprie recensioni apprezzate.

      Come dici tu ci sono ottimi elementi in quella serie (sopratutto il character design dei personaggi per me uno dei migliori mai realizzati per il ladro gentiluomo), peccato che il resto non funzioni altrettanto bene (chi ha parlato di Rebecca Rossellini?).

      Per quanto riguarda la serie La donna chiamata Fujiko Mine credo che sia una delle serie più belle mai realizzate su Lupin III e prima o poi vorrei fare uno o due post sulla serie (sicuramente una recensione è d'obbligo), anche se ci sono due o tre elementi che non mi sono piaciuti (Tipo il personaggio Oscar o il finale).

      Fujiko è sicuramente un personaggio con molte sfumature, non sempre ben sfruttate dai vari registi dello special/serie. Pensare che tra i due ladri ci sia del semplice rapporto affettivo vuol dire non aver compreso il personaggio.

      Elimina
  3. "Pensare che tra i due ladri ci sia del semplice rapporto affettivo vuol dire non aver compreso il personaggio" hai colto in pieno...ma, soprattutto, a semplificare il rapporto Fujiko/Lupin ci hanno pensato i doppiaggi pessimi italiani, che hanno censurato dialoghi tra lei e Goemon (e anche Jigen), e aggiunto espressioni sentimentali laddove non ci sono quando si tratta di Lupin. Il discorso sarebbe lunghissimo, magari avremo modo di parlarne.
    Il finale di La donna chiamata Fujiko Mine mi ha lasciata perplessa su alcune cose, non tanto sulla sua non riuscita, ma l'approccio è stato un pochino sbrigativo, dopo aver messo tanta carne al fuoco (La Guerra Fredda, la CIA, gli esperimenti dopo la Seconda Guerra Mondiale, la simbologia massonica). Che poi non c'erano elementi troppo fantastici o assurdi: ai tempi successero davvero queste cose losche e tuttora segrete, per certi versi.
    Oscar, invece, mi è piaciuto moltissimo e tutto il contorno. Meno interessante il Castro-Che Guevara, anche se in quell'episodio si consolida molto il rapporto Fujiko-Goemon (finale da urlo, quell'episodio).
    Quanto a "L'avventura italiana", character ottimo e location impeccabili (anche se Jigen e Goemon erano resi troppo magri e infantili).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i doppiaggi by mediaset sono d'accordo, invece per il doppiaggio storico credo che sia più fedele all'originale.

      Nel caso tu voglia continuare il discorso mi puoi trovare sulle maggiori piattaforme (twitter, fb, g+ ecc), oltre che qui ovviamente.

      Molto spesso la realtà supera la fantasia più fervida.

      Elimina
    2. per quanto riguarda la prima serie, ho fatto confronti con la versione originale e anche il doppiaggio precedente a quello di Mediaset non è poi così fedele. Ti faccio due esempi: nell'episodio 5, Goemon presenta sempre Fujiko come amica, mentre in giapponese dice che è la sua ragazza(come in effetti dice anche nel manga). Sempre nello stesso episodio, Lupin, quando va a conoscere Goemon in mezzo alla foresta, parla di un certo: "Scooter Kid" (doppiaggio italico delirante da "shooter kid"), riferendosi a Jigen, ma come se citasse un altro personaggio e non parlasse di lui come del pistolero venuto dall'America (Jigen è americano, con origini miste, tra cui giapponesi. Non si sa bene, cmq, perchè non lo sa manco lui).
      Quanto ai social, ho messo il Mi piace alla tua pagina ;-)

      Elimina
    3. Purtroppo per il momento non esiste in Italia un doppiaggio fedele a quello giapponese per le prime tre serie. Quello storico è più fedele ma si prende molte più libertà di adattamento, senza considerare gli errori di traduzione (come tutte le serie portate in Italia negli anni 80). Quello fatto da mediaset è migliore nell'adattamento ma presenta numerose censure. Come ciliegina sulla torta l'edizione yamato video non presenta neanche un traccia di sottotitoli fedeli.

      ;)

      Elimina