martedì 1 settembre 2015

Lupin III L'avventura Italiana commento episodi 1-4

Lupin III - L'avventura italiana
ルパン三世
Titolo giapponese: Rupan Sansei
Tipologia: serie TV
Regia: Yuichiro Yano
Musiche: Papik
Realizzato da: TMS Entertainment
Rete Tv: Italia 1
Trasmesso a partire dal 30 agosto 2015
Numero episodi: 26 


Lupin III - L'avventura italiana è la quinta serie realizzata su Lupin. La serie è composta da 26 episodi e le vicende della serie sono ambientate tra San Marino e L'italia, per l'occasione Lupin sfoggia una nuova giacca di colore blu; anche se era già comparsa nel film: La lapide di Daisuke Jigen (nel link la mia recensione del film). La serie viene trasmessa in anteprima mondiale su Italia 1 il giorno 30 agosto 2015, mentre in Giappone la serie verrà trasmessa su NTV il 2 ottobre dello stesso anno. La serie è caratterizzata da un tratto più contraddittorio rispetto alle serie precedenti, con un Lupin più vanesio e buono rispetto a quanto eravamo abituati a vedere.


« Se l'Italia è il paese dell'amore, allora tutto l'amore è nelle mie mani. » 

Episodio 1 "il matrimonio di Lupin III"

Rebecca Rosselini e Lupin
Lupin si trova a San Marino per organizzare il proprio matrimonio con Rebecca Rosselini, una ricca ereditiera sanremese (una Paris Hilton nostrana per intenderci). Una tradizione locale impone ai due novelli di sposi di partecipare ad una cerimonia di fronte ai reggenti e alla corona reale. Lupin  ha lanciato la sfida alla polizia locale e all'ispettore Zenigata per rubare la corona reale, ma sembra che il ladro gentiluomo ne sia all'oscuro e che il  messaggio sia stato mandato da qualcun'altro.

Sicuramente l'episodio più noioso visto finora della serie, i colpi di scena sono tutti ampiamente prevedibili. per capire chi ha veramente mandato la sfida basta semplicemente usare un poco di logica. Naturalmente il matrimonio si è rilevato una farsa, anche se il povero Lupin ci rimane un po' scornato comunque visto che non può consumare il matrimonio con Rebecca grazie all'intervento provvidenziale del maggiordomo (la ragazza non si era fatta problemi. Povero Lupin hai tutta la mia comprensione). Veramente divertente la scena dove Zenigata prova a catturare Lupin durante il suo matrimonio tra lo sdegno generale, venendo poi sbattuto fuori come un comune guastafeste dalla guardie locali. Carine le citazioni al film Il castello di Cagliostro. Per una volta possiamo vedere una Fujiko un po inviperita dalla gelosia per Lupin, anche se come sempre troverà il modo di vendicarsi. Bello il gioco di quadra del "Lupin Team", con Jigen veramente in forma smagliante. Alla fine l'unico che credeva veramente nel matrimonio era quella "Volpe" di Goemon. Qui è presente il primo di tanti errori che si vedranno negli episodi successivi, San Marino dispone di una Corona anche se è stata sempre una repubblica, da dove venga fuori rimane un mistero. Rebecca come personaggio in se è ben riuscito, anche se non sembra uscire dalla tipologia "Personaggio ricco con tanto di maggiordomo e gadget tecnologici con tanto tempo libero a disposizione", narcisista e ed egocentrica, sarà una nuova spina nel fianco per Lupin o finirà nel limbo come tanti personaggi lupineschi?

Il problema più grosso di questo episodio è la sua mancanza di attrazione, alla fine dell'episodio se non fosse per la passione che mi lega al personaggio non mi sentirei in alcun modo motivato a continuare la visione. Sembra uno dei tanti episodi della seconda serie.

Episodio 2: Il falso fantasista
Mauro Brozzi
Il calciatore Mauro Brozzi della squadra di calcio del San Marino viene ricattato dall'imprenditore mafioso Ricardo Mondini, con delle cartelle cliniche che rivelerebbero l'uso di doping da parte del giocatore. Con l'aiuto di Fujiko, Brozzi riesce a contattare Lupin per rubare le cartelle cliniche, altrimenti potrebbe essere escluso dalla finale di campionato.

Devo dire che inizialmente questo episodio non mi era piaciuto ma nel finale si è riscattato alla grande. Brozzi inizialmente sembra un qualsiasi giocatore di successo che ormai in fase calante della propria carriera non riesce a fare a meno della bella vita e dei soldi facili ed è disposto a tutto pur di continuare a godersela. Invece nel finale dimostra una caratura da vero campione, di quelli che ti rimango impressi per sempre come esempio (da Balotelli a Baggio per intenderci). Comunque sono presenti errori o incongruenze che non possono non far ridire lo spettatore: La prima è vedere Lupin arrabbiarsi per aver perso la schedina, come un qualunque uomo appassionato di calcio. La seconda è vedere il San Marino battere la Roma (anche se viene nominata come squadra giallorossa della capitale) e vincere il campionato; si vede che ai giapponesi vincere il mondiale con Holly e Banji non era bastato. La terza è vedere l'imprenditore mafioso corrompere una squadra di cui non conosce nemmeno i colori (naturalmente è fatto per rendere più chiara la situazione ai giapponesi, ma per un'italiano la situazione è comicissima). Mi è piaciuta tantissimo la scena dove un Lupin buongustaio assaggia la pasta alla carbonara e con tanto di scintillio negli occhi afferma che è buonissima, mi ha fatto venire voglia alle 10 di sera di pasta alla carbonara.

Episodio 3: 0.2% possibilità di sopravvivere (anche se io l'avrei intitolato Lupin vs 007/Supercar)

Dopo la scoperta di un frammento della collana di Maria Antonietta, Lupin e Jigen sono intenzionati a fare il colpo. Ma sembra che MI6 sembra anch'essa interessata al frammento, L'agente Nix darà filo da torcere a Lupin (era già comparso nel'episodio precedente).

Episodio senza infamia e senza lodi, anche se non mi aspettavo una scena di tortura (anche se appena accennata). Carino il gioco di deduzione di Lupin per scoprire da dove nascono le incredibili capacità dell'agente Nix. è presente anche un Deus machina che permette di salvare la vita a Lupin e Jigen, perlomeno è molto ben congegnato.

Episodio 4: Tiratore scelto
Quel bel figurino di Eric
Jigen entra in un ambulatorio per farsi curare un dente e scopre che la città è preda di una banda di un certo Eric, il quale promette protezione agli abitanti in cambio di somme sempre più esose. Sono in molti a volerlo morto, ma forse solo Jigen può risolvere la situazione.

Sicuramente l'episodio più bello visto finora, sarà perché è l'unico personaggio presente in scena è Jigen. In questo episodio Jigen dimostra tutta la sua abilità come pistolero eliminando un gran numero di nemici senza quasi usare la pistola. Bella la spiegazione dell'accaduto in stile detective di Zenigata, per una volta riesce a dimostrare le sue reali capacità senza cadere nel comico. Per l'ennesima volta Jigen potrebbe combinare qualcosa con la bella di turno, ma per misoginia o per altri motivi se ne va senza combinare nulla, ma visto come vanno a finire le donne che si innamorate di lui è meglio cosi.
                       
Considerazioni Finali
Sicuramente se avete visto la serie precedente (La donna chiamata Fujiko Mine) la delusione sarà cocente. guardandola per quello che è la sufficienza per il momento la guadagna (anche se il primo episodio rischia di affossare tutta la baracca nella sua insipidezza). Sicuramente per la trasmissione in Italia e all'estero si è voluto stemperare i suoi eccessi e puntare tutto sullo charme del personaggio e dei suoi comprimari.Come qualità tecnica è una serie fatta veramente bene. Speriamo che i nuovi episodi possano dare una più chiara visione de prodotto.

In attesa di una nuova recensione vi saluto e vi lascio con la sigla che tanto ha fatto di rumore, ma che personalmente non disprezzo più di tanto (ho visto di peggio):

4 commenti:

  1. Se l'Italia è il paese dell'amore, allora tutto l'amore è nelle mie mani.

    Ah, vero. Altra cosa detestabile di questa serie, 'sto tormentone senza senso ripetuto all'inizio di ogni puntata.
    Spero sinceramente che nei prossimi episodi le trame migliorino, altrimenti ci sarà da piangere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è una frase senza senso, potevano perlomeno citare Dante come nel doppiaggio dei Cavalieri dello Zodiaco.

      Rivoluzioni ne dubito, ma può essere che abbiano chiesto una partenza soft. O perlomeno quell'orario di merda lo fa sperare. Altrimenti vedere altri 22 episodi sarà un agonia senza pari.

      Pagerei oro per sapere chi ha deciso cosa, l'impostazione della serie è stata voluta in giappone o è stata mediaset a chiedere modifiche? Cercando in giro non si trovano informazioni.

      Elimina
    2. Sentite secondo me è bella la frase e non sono l'unica che lo pensa.����

      Elimina
    3. Per prima cosa grazie per aver commentato.

      Al riguardo dell'incipit non dico che sia brutto, solo che non è azzeccato con la figura di Lupin. Già il secondo incipit "L'arte e il ladro hanno una cosa in come: entrambi ti rubano il cuore" ha più senso con Arsenio Lupin e il suo essere.

      Elimina